tachioni e salute

Tachioni e salute

Il tachione è una sub-particella capace di aiutare l’essere umano a ripristinare la sua salute e la sua forza.

Un famoso ricercatore tedesco Hans Nieper, descrisse il tachione come una forma d’energia leggermente contratta, o stato virtuale, che cerca di diventare una particella.

Anche un entomologo, Philip Callaghan, fece delle prove sperimentali per dimostrare l’esistenza dei tachioni, collegando un un Ficus benjamin ad uno speciale apparecchio di rilevazione elettromagnetica; definì il tachione una particella che si muove ad una velocità superiore a quella della luce.

Il tachione si trova nell’interfaccia tra l’energia e la materia. 

L’energia continua a trasformarsi, strutturando in forme materiali, con le quali interagisce in vari modi.

Il fisico Ernst Wall, nel suo libro “La Fisica del Tachione” (The Physic of Tachyon), spiega come il tachione sia all’origine dell’espansione e dell’evoluzione di una famiglia di particelle elementari chiamate leptoni.

La famiglia dei leptoni comprende pioni, muoni ed elettroni. Il pione è la particella più piccola di questa famiglia, viaggia ad una velocità inferiore a quella della luce, secondo un’orbita calcolabile matematicamente.

Questa piccola e velocissima particella, usando l’energia tachionica, che si trova appena al di là della barriera costituita dalla velocità della luce, si trasforma immediatamente in un muone.

Il muove ha un orbita 10 volte superiore al pione. L’instabilità di queste particelle è data dalla loro continua trasformazione verso la materia.

Dal muone si arriva all’elettrone fino alle forme più complesse della materia.

Nel viaggio dall’energia pura, priva di vibrazione, definita a ‘punto zero’ fino alle forme più perfette della materia, quali la molecola del DNA, o la funzione visiva dell’uomo; il tachione riveste un ruolo fondamentale. L’intera famiglia di particelle chiamate leptoni, riceve energia dal campo tachionico che si trova ad una velocità superiore a quella della luce, dando così possibilità alla materia di divenire perfetta.

Il processo inverso viene definito entropia della materia. Il caos è in continuo “agguato” per decostruire la perfezione della materia.

L’invecchiamento del corpo umano è un fenomeno entropico, in cui l’ordine viene cancellato ed il caos prendere vita. L’unico modo di annullare l’entropia è riuscire a connettere il corpo umano con il campo tachionico, ripristinando l’evoluzione della materia verso l’ordine e la perfezione.

Bisogna distinguere le regole genetiche di invecchiamento, che hanno un valore immenso per l’evoluzione umana, dalla disconnessione dal campo tachionico.

Nel DNA umano è scritta l’età della nostra vita in una situazione di connessione con il continuum energetico (campo di energia pura), mentre in assenza di esso, le regole scritte nel DNA perdono qualsiasi significato?

Oppure il DNA cambia regole al cambiare della connessione energetica?

Tachioni come medicina del futuro?

All’inizio degli anni ’90 David Wagner presentò al mondo intero i suoi prodotti tachionizzati, i primi test furono assolutamente incredibili.

Dimostrarono che tutto ciò che apparteneva alla Vita, veniva aiutato dal contatto diretto o indiretto con i prodotti tachionici: dalla piante ai topolini da laboratorio. Ovviamente dopo più di dieci anni possiamo dire che anche gli esseri umani ricevono tanti benefici.

Inoltre anche se non fossero ottimi, ma buoni, considerando la totale mancanza di effetti collaterali, potremmo comunque ritenerci soddisfatti.

I tachioni sono una cosa vecchia per chi studia la fisica della materia.

Rappresentano il velo sottile tra la nascita della più piccola particella di materia e l’infinito creativo.

Molti scienziati negli ultimi cento anni hanno indagato la materia per scoprire le sue origini più profonde.

Tante teorie, tra le quali quella di Nikola Tesla, famoso soprattutto per aver portato la corrente alternata nelle nostre case; permettendo a tutti di avere i servizi di cui oggi beneficiamo. La corrente continua si disperdeva in calore lungo i cavi elettrici.

Negli scritti di Nicola Tesla si trova un progetto di un’auto a motore elettrico-tachionico capace di raggiungere circa 80 miglia all’ora – purtroppo quest’auto fu distrutta e fatta scomparire. Erano in gioco troppi cambiamenti: come se oggi si potrebbe acquistare al prezzo di un auto a benzina/diesel un’auto elettrica con le stesse prestazioni di consumo. Impossibile!

Così David Wagner ha deciso di non combattere contro la lobby del petrolio, ma piuttosto di aiutare prima l’umanità a migliorare la propria salute, fisica, mentale e spirituale.